Coffeefrom People: Sollicitudo

DAL BLOG

Coffeefrom People: Sollicitudo

Per la rubrica Coffeefrom People, aziende, progetti e persone si raccontano con noi attraverso testimonianze dirette di sostenibilità e visioni circolari.

Oggi vi parliamo di Sollicitudo, Società Cooperativa Sociale (ONLUS) di Lodi che dal 1989 promuove la riabilitazione sociale e il reinserimento lavorativo grazie all’attività grafica e tipografica. Sollicitudo collabora inoltre nel progetto Coffeefrom attraverso impaginazioni grafiche, stampa di leaflet e brochure ma soprattutto dei nostri packaging.


Ecco il racconto di Giuseppe Migliorini, Presidente dell'azienda. 

 

 

Che cosa vuol dire per voi impatto sociale?

Che cosa vuol dire per voi impatto sociale?

Riferito alla nostra realtà di cooperazione, per impatto sociale intendiamo la capacità di incidere sulla realtà del nostro territorio sia dal punto di vista sociale che dal punto di vista politico lavorando fianco a fianco con tutti i principali attori sia istituzionali che del mondo del volontariato. Esempi concreti sono la partecipazione alla realizzazione del Piano di zona e la presenza ai Tavoli dove si decidono le azioni di politica attiva del lavoro e le politiche sociali territoriali.

In che modo vengono integrate le persone fragili nelle attività di tutti i giorni?

Nella nostra cooperativa l’integrazione delle persone fragili avviene per gradi cercando per prima cosa di conoscere la persona, di valutarne le capacità, le attitudini, le potenzialità. Dopo questa prima valutazione si decide in quale reparto di produzione inserirla e quale mansione affidargli. Questi passaggi sono seguiti con sensibilità e cura dagli operatori (responsabili di reparto). L’attività in cooperativa è condita con la necessaria attenzione alle persone e alle “cose da fare” per mandare avanti le attività in un clima il più possibile familiare e sereno ma anche nel rispetto delle regole che aiutano a mantenere il giusto equilibro. Il pranzo comune favorisce le relazioni e aiuta a vivere insieme, con l’opportuna rilassatezza, anche qualche momento non lavorativo.

Condividi su